Archivio - Conferenze stampa 2009-2010

Andrea Della Valle: "Rabbia e indignazione"

Firenze, stadio Artemio Franchi Conferenza stampa

25.02.2010
Andrea Della Valle: "Quello che ho visto ieri sera è scandaloso: credevo dopo Monaco di aver visto tutto, invece non è così. Il rigore su Montolivo era troppo netto. Una presa di posizione a questo punto è doverosa: è stata toccata la dignità nostra, della squadra, della città. Io sono arrabbiato, indignato, come lo è mio fratello Diego. Ieri il nostro dominio è stato assoluto e meritavamo di vincere. Non pretendo risposte, ma mi chiedo come si fa a designare Rosetti in una gara così, considerati i precedenti che ha con noi... Non può essere la regola del vantaggio, l’arbitro ha detto a Riccardo di rialzarsi. E quella di Keirrison non era assolutamente una chiara occasione da gol. Se ci sono arbitri non sereni ad arbitrare la Fiorentina, come poteva essere lui, credo si potesse evitare la designazione. Tutti hanno visto il rigore. Quattro anno di qualificazioni Champions, quest’anno credo sia sfumata definitivamente, dopo ieri sera. Tornare il quinto anno in Champions, o quantomeno lottare per il quarto posto, poteva dar fastidio a qualcuno? Ora dobbiamo puntare altri traguardi. Ripeto non voglio spiegazioni, anche perchè so che non le avrò. Voglio capire cosa ha fatto di male la Fiorentina. Volevo solo ricordare che la società è qui, che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno. La città è arrabbiata, nonostante tutto ha mantenuto nervi saldi e mostrato grande civiltà. Anche perché così si fa fatica a restare sereni. Ribadisco, siamo qui e siamo molto attenti. A Collina non vorrei chiedere tanto della designazione di ieri, quanto piuttosto mi sarei aspettato un suo commento dopo Monaco, visto che lui è nella commissione arbitrale della Uefa. Non voglio esaltare i ragazzi, ma caricarli, perché una gara come quella di ieri può distruggerti psicologicamente. Abbiamo fatto una grande partita, la squadra ha grande qualità. La rabbia deve essere riversata in campo. Chiedo solo di mandarci arbitri sereni, è l’unica cosa che chiedo. Non devono arrivare persone condizionate psicologicamente. Vogliamo difendere a tutti i costi la dignità di questa città".

Video Correlati