Archivio - Conferenze stampa 2009-2010

Prandelli: "Vinciamo domani poi pensiamo alla Coppa"

Firenze Conferenza Stampa

09.04.2010
Cesare Prandelli alla vigilia dell’Inter: La squadra è in forma. Si è allenata bene, ci sono dei giocatori in dubbio come Zanetti e Vargas: vediamo l’ultimo allenamento, vediamo se riusciranno a darci la loro disponibilità.La partita di domani è fondamentale anche per preparare quella di martedì. Le scelte di domani saranno solo in funzione della disponibilità che mi daranno i giocatori, non penso alla coppa Italia. Sono due sfide importanti, per obiettivi diversi. Ma ora pensiamo al campionato. Incontriamo una delle squadre più forti a livello europeo, ci vorrà una Fiorentina attenta, coraggiosa e capace di leggere le situazioni durante la partita. La classifica? Pensiamo partita dopo partita, cercando di fare più punti possibili. Se vincevamo a Catania il discorso era diverso, ma non c’è niente di definitivo o di scontato. Ci sono tanti punti a disposizione e altrettanti scontri diretti.L’Inter super offensiva? Il merito è soprattutto dell’allenatore: puoi giocare con punte e trequartisti, ma tutti devono correre. E quelli dell’Inter lo fanno. Mourinho? E’ spontaneo, sincero, mai banale, diretto. Ha dato subito la sensazione di non concedere nulla a nessuno. Ha messo in piazza problemi che noi allenatori tendevamo a nascondere: ha portato a una svolta, per questo lo apprezzo. Milan e Roma ci seguiranno? Speriamo ci trasmettano energia positiva. Bayern e Lione in semifinale Champions? Sono squadre che noi abbiamo battuto, dando una bella immagine della Fiorentina in Europa. Ho già visto Andrea Della Valle, abbiamo fatto una riunione veloce. Ci rivedremo dopo l’allenamento, faremo due chiacchiere in maniera serena e tranquilla. L e ultime notizie su Calciopoli? Penso che dovremmo avere più riguardo verso una persona che non c’è più. Per il resto ci sono tante interpretazioni da poter dare, può anche essere un modo per rileggere gli ultimi quattro anni.Le 500 panchine? Faccio il mio lavoro con lo stesso entusiasmo dell’inizio. Quando non sentirò più il desiderio di trasmettere qualcosa mi fermerò.

Video Correlati