PRIMA SQUADRA

“Fino all’ultimo bambino”: la Fiorentina di nuovo al fianco di Save The Children

Firenze news

18.10.2016
Per la settima stagione consecutiva la Fiorentina si schiera con Save the Children in aiuto dei milioni di bambini lasciati indietro a causa di povertà e discriminazione. La campagna globale “Fino all’ultimo bambino”; è stata lanciata ieri con l’obiettivo di salvare la vita e dare un futuro ai bambini senza un domani, in Italia e nel mondo, con cibo, cure ed educazione. Ben 6 milioni di bambini, infatti, muoiono nel mondo ogni anno per malattie facilmente curabili e prevenibili mentre 58 milioni non vanno a scuola nei paesi poveri. In Italia, oltre un milione di bambini vive in povertà assoluta.
I tesserati viola e il Mister Paulo Sousa saranno protagonisti della campagna di comunicazione di Save the Children e grazie al supporto della Fiorentina, che sostiene un importante progetto di salute materno-infantile e nutrizione in Etiopia, nel corso del quest’anno di 35 operatori dei centri di Salute e degli ospedali verranno formati sulle cure neonatali e sulle tecniche di marsupio terapia, nonché sulle corrette pratiche alimentari per i bambini sotto i 5 anni. Verranno inoltre forniti ai presidi sanitari medicinali salvavita per la salute di madri e bambini (antibiotici, antimalarici, anti-ipertensivi etc.), materiali per la prevenzione di infezioni, nonché supporto logistico per il trasporto in situazioni di emergenza.
Insieme alla Fiorentina sabato 22 e domenica 23 ottobre 2016, in occasione della nona giornata di campionato, tutta la Serie A TIM, arbitri compresi, sosterrà l’iniziativa “Fino all’ultimo bambino”, invitando i tifosi di tutta Italia a sostenere Save the Children con una semplice donazione attraverso SMS solidale.
Fino all’8 novembre, sarà infatti possibile donare 2 euro inviando un SMS al 45567 dai cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, e Tiscali o chiamando da rete fissa Vodafone o TWT. Chiamando lo stesso numero da rete fissa TIM, Infostrada, Fastweb e Tiscali si possono donare 2 o 5 euro.

Video Correlati